Articolo precedenteHannah Sanghee Park, 4 poesie
Articolo successivoHo ucciso l’Anticristo

Allons enfants de la Patrie

https://www.youtube.com/watch?v=lu3eSNi__4w

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. E’in giorno terribile. Penso ai bambini morti o spaventati.
    In Augusto sono a Nice prima di andare in Italia.
    Non potrò camminare sulla Promenade perché il sangue è stato versato.
    Oggi non ho il cuore da ascoltare La Marseillaise.
    Ho il cuore triste.

  2. Nice è una dei più bella città in Francia.
    E’un po l’Italia. E’italiana e francese.
    Il cuore mediterraneo continua di bruciare in una guerra del terrore.
    Sulla nostra riva viene colpire il riflesso delle guerre che sembravano lontane e invece sono vicine.

  3. Je suis enfant! Sono drammaticamente disperata per questa strage assurda e stiamo attenti, questi verranno a snidarci nelle case, hanno detto. Ribelliamoci!!!!

I commenti sono chiusi

articoli correlati

Ritorno a Sarajevo

di Faruk Šehić io non sono un uomo di Sarajevo a Sarajevo aprile è davvero il mese più crudele dove si mescola fantascienza e...

Il passo della morte – Enzo Barnabà

Incipit del nuovo libro di Enzo Barnabà   Sul finire del giugno 2018, mentre attraverso la frontiera di ponte San Luigi,...

Pensare l’originalità dei gilet gialli: territorio, rappresentanza, salario

di Andrea Inglese  Questo articolo non si propone di fare la cronaca del movimento dei gilet gialli francesi, ma di...

Il loro campo e il nostro

di Fabrizio Bajec Ci è stato detto che quando il popolino insoddisfatto delle proprie condizioni sociali si arrabbia ha l’apparenza...

Interférences # 17 / “Leggete Karl Marx”: una cartografia

di Frédéric Montferrand traduzione di Davide Gallo Lassere e Andrea Inglese   (Si vuole dare il politico per morto, soprattutto in Italia....

Onan, le Alpi e Pirandello

Onan, le Alpi e Pirandello di Giuseppe Schillaci   Si scrive per essere amati, diceva Roland Barhes. E si sbagliava. Non si scrive...
antonio sparzani
Antonio Sparzani, vicentino di nascita, nato durante la guerra, ha insegnato fisica per decenni all’Università di Milano. Il suo corso si chiamava Fondamenti della fisica e gli piaceva molto propinarlo agli studenti. Convintosi definitivamente che i saperi dell’uomo non vadano divisi, cerca da anni di riunire alcuni dei numerosi pezzetti nei quali tali saperi sono stati negli ultimi secoli orribilmente divisi. Soprattutto fisica e letteratura. Con questo fine in testa ha scritto Relatività, quante storie – un percorso scientifico-letterario tra relativo e assoluto (Bollati Boringhieri 2003) e ha poi curato, con Giuliano Boccali, il volume Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri 2006). Ha curato anche due volumi del fisico Wolfgang Pauli, sempre per Bollati Boringhieri e ha poi tradotto e curato un saggio di Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia, pubblicato presso Mimesis. Ha curato anche il carteggio tra W. Pauli e Carl Gustav Jung, pubblicato da Moretti & Vitali nel 2016. Scrive poesie e raccontini quando non ne può fare a meno.